Share Poll

Poll link

500 px
350 px
250 px
Preview

widget preview:

Width - px Height - px

Close preview
! You are using a non-supported browser Your browser version is not optimised for Toluna, we recommend that you install the latest version Upgrade
Our Privacy Notice governs your membership of our Influencer Panel, which you can access here. Our website uses cookies. Like in the offline world, cookies make things better. To learn more about the cookies we use, check out our Cookies policy.

Infographics Click to show more
38% 1686 votes
62% 2801 votes
4487 people voted
Sono d'accordo 1932 votes

Sono d'accordo
43%
Né d'accordo né in disaccordo 766 votes

Né d'accordo né in disaccordo
17%
Non sono d'accordo 1368 votes

Non sono d'accordo
30%
Non so 382 votes

Non so
9%
Altro - lascia un commento qui sotto 39 votes

Altro - lascia un commento qui sotto
1%
Copied to clipboard
AdrianaGV

AdrianaGV

  Semmai questo discorso sarebbe stato utile qualche anno fa,
M1511795b

M1511795b

  facciamo recuperare per averli disoccupati in anticipo? tutta stà fretta?!
G6887050r68

G6887050r68

  non sono d'accordo perché non risolverebbe niente piuttosto bisognerebbe che la scuola fosse presa più sul serio, a partire dai presidi spesso mai presenti, i professori che molto spesso mettono l'insegnamento al secondo posto e non da meno, gli stessi genitori che dovrebbero pensare che la scuola è pane per i loro figli e non posteggio.
iamwomaninlove

iamwomaninlove

  Non sono d'accordo, e chi vi parla è un'insegnante che ritiene che la scuola dovrebbe pensare più alla qualità che alla quantità. Non deve delegare i genitori o insegnati a pagamento perchè questa è una sconfitta dell'istituzione ma soprattutto dell'insegnante. Colui/lei che insegna deve essere capace di rendere gli allievi autonomi nei loro compiti e nel loro studio, deve saper spiegare nel modo più chiaro possibile ai suoi alunni/e e, perchè no, dare la possibilità a alunni brillanti di diventare tutor per i loro compagni (un compagno che rispiega è meglio dell'insegnante perchè fatto da un pari!). Perciò, poche cose ma fissate bene nelle mente dell'alunno/a.
SanchoMancha

SanchoMancha

  Suppongo che siano d'accordo quelli che non sono coinvolti.
renedrive

renedrive

  Divertente come trattiamo l'insegnamento come un prodotto venduto a peso. In quest'anno siamo stati un po' leggerini quindi dobbiamo fare di più per arrivare alla quota. Più importanza alla quantità che alla qualità. Non importa se quel poco che è stato studiato sia stato appreso e compreso, l'importante invece e che tutto venga studiato. Spero che prima o poi l'umanità si svegli e si evolva e cominci magari ad utilizzare l'istituto scolastico per creare una umanità migliore e non migliori consumatori.
achilledirocco

achilledirocco

  Non sono d'accordo,a meno che non mi si ridimostri che aumentando la durata dell'anno scolastico ci sia un miglioramento nell'apprendimento degli alunni.
Nonsochenomemettere

Nonsochenomemettere

  Recupero durante l'anno con qualche pomeriggio piuttosto che riempirli di compiti spesso neanche spiegati delegando a genitori o prof di sostegno a pagamento.
davisi13

davisi13

  scommetto che ora i sindacati diranno che si deve valutare alunno per alunno...cmq non sono d'accordo...
O3881195i38

O3881195i38

  Aumentare? E di quanto? 1 mese? 2 mesi? Per sempre? No perchè innanzitutto non si può recuperare un anno in 1 mese e nemmeno in 2 mesi, e poi sappiamo come accade in Italia, le regole non sono mai momentanee, il recupero si trasformerà in recupero eterno!

You’re almost there

In order to create content on the community

Verify your Email / resend
No thanks, I’m just looking

OK
Cancel
We have disabled our Facebook login process. Please enter your Facebook email to receive a password creation link.
Please enter a valid Email
Cancel
We're working on it...
When you upload a picture, our site looks better.
Upload